Il 21 settembre c’è il World Cleanup Day 2019

Tra i partner di quest’anno confermati Decathlon e Carrefour

Il 21 settembre in oltre 150 Paesi si celebra il World Cleanup Day, la più grande azione civica di pulizia del mondo. I numeri della prima edizione, quella dello scorso 15 settembre, sono importanti. Quest’anno possiamo e vogliamo migliorarli anche grazie all’ampliamento della rete. La strada per risolvere il dramma dello smaltimento o riuso illegale dei rifiuti è lunga e tortuosa, ma le attività di ricerca e sviluppo, oltre che le azioni di pulizia, non si fermano.

L’obiettivo di quest’anno è il coinvolgimento del 5 per cento della popolazione mondiale. Un traguardo importante. Per raggiungerlo Let’s Do It! Italy potrà contare sull’adesione del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare che ha accolto con favore la richiesta di partenariato inviata da Let’s Do It! Italy. Si confermano partner di questa edizione due aziende che stanno spostando sempre più la propria attenzione sulla sostenibilità: Decathlon e Carrefour. Tra le aziende si aggiungono Philip Morris, Booking Cares.

«In Decathlon – ha detto il responsabile alla sostenibilità dell’azienda, Giorgio Possi – creiamo articoli sportivi che verranno utilizzati anche all’esterno, in natura. Sta a noi prenderci cura di questo ambiente naturale per proteggere il nostro senso (rendere lo sport accessibile al maggior numero di persone). Mantenendo puliti i luoghi di pratica sportiva, contribuiremo a far sì che rimangano in buono stato anche per le generazioni future. Siamo dunque fieri di far parte di questa iniziativa».

«Siamo molto orgogliosi di partecipare anche quest’anno alla giornata del World Clean Up Day e proseguire nella nostra missione di sensibilizzazione di clienti e collaboratori verso stili di vita sostenibili e consumi responsabili. Proteggere il pianeta è per Carrefour Italia una responsabilità e un’opportunità, perché la condizione attuale dell’ambiente impone a tutti noi, come singoli e come imprese, di considerare attentamente l’impatto delle nostre azioni e abitudini sul nostro pianeta», afferma Alfio Fontana, Responsabile Corporate Social Responsibility Carrefour Italia.

 

«La coesione internazionale su questo tema sta portando i primi risultati. Quest’anno in Italia partiamo dalle oltre duecento azioni dello scorso anno. Siamo fiduciosi che il numero cresca anche per le adesioni che stanno arrivando. L’aumento dell’inquinamento sta danneggiando la salute pubblica, la qualità dell’acqua e dell’aria». A dichiararlo il presidente di Let’s Do It! Italy, Vincenzo Capasso.

 

Hanno già aderito al World Cleanup Day Legambiente con Puliamo il mondo, Zero Waste Italia, Aica, Retake Italia, Aiesec, La Gaiola Onlus, Forum dei Giovani, Cleanap, Plasticaqquà Taranto, Vitaru, Fondali Campania, Radio Siani, Clean Coast Sardinia, 3Place, Nemo Ischia, Facta Scafati.

 

 

 

Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •