Il Sindaco abusivo

Dopo il salvataggio da parte del PD a supporto del Sindaco Falco e della sua maggioranza, le cose a Caivano sembrano non migliorare, anzi sono  peggiorate. L’opposizione sempre più coesa e compatta nel criticare e disgregare le “azioni” del primo cittadino, quest’ultimo schernito anche dai manifesti affissi in tutta la città; manifesti anonimi, dove si può leggere sotto l’enorme gigantografia che raffigura il Sindaco: “ Se lo conosci lo eviti”. Uno dei primi partiti che subito si distaccò passando così dalla maggioranza all’opposizione fu proprio l’MPA, con a capo il segretario Alessio Vanacore, proprio al segretario del Movimento Per le Autonomie ci siamo rivolti per fargli alcune domande e farci un resoconto dell’attuale situazione di Caivano.

Che aria si respira a Caivano, qual è la situazione politica attuale?

Purtroppo quest’amministrazione ha la sua caratteristica di dire una cosa e farne un’altra, infatti è nata con un’amministrazione e sta governando con un’altra amministrazione, sono riusciti a far allontanare i cittadini dalla politica, i consigli comunali sono deserti, una classe politica che sta lì solo per interessi personali, per il territorio non si fa niente, l’ultima figura l’hanno fatta alla Manifestazione di Atletica Caivano, un gruppo di ragazzi che va lì per allenarsi, in una zona del paese, completamente attanagliata da cumuli di spazzatura. Qualche esponente politico di questa pseudo- maggioranza ha espresso il suo dissenso su tale evento definendolo inutile; se andiamo a chiedere come mai non è stata avviata nessuna bonifica, ci racconteranno altre bugie, il sindaco è abile nel dire bugie. E’ mai stata fatta una bonifica sul territorio? La bonifica non è mai stata effettuata, avevamo delle centraline per il controllo dell’aria, ma la nostra amministrazione le ha fittate, non si sa che fine hanno fatto; avevamo un solerte esponente del PD che diceva di avere le medicine per tutte le malattie di questo paese, oggi invece si trova di fianco al Sindaco ombra.

Un po’ di tempo fa il PD è passato con la maggioranza, un suo commento?

La problematica è complessa, quest’amministrazione è sorretta da persone che non hanno a cuore il bene del paese, se avessero avuto a cuore il bene del paese, visto lo sfascio totale e il tradimento del mandato elettorale lo avrebbero mandato a casa, stanno li per interesse personale, senza dignità politica, pur di restare incollati alla poltrona si alleerebbero anche col diavolo, possiamo elencarli uno per uno senza problemi.

 

 Manifesti contro il Sindaco “ Se lo conosci lo eviti”…cosa ne pensa?

E’ uno slogan appropriato, perché lui si presenta come un agnellino, poi diventa il peggiore dei serpenti, ti avvinghia e poi ti morde per avvelenarti. Lo ha dimostrato con i fatti; è stato eletto con un’amministrazione, eppur di rimanere a galla, ha buttato a mare i partiti che lo contestavano dall’interno, non essendo d’accordo con la sua linea politica. Noi siamo stati eletti per fare qualcosa per il paese, non per interessi personali, e siamo stati i primi ad essere fatti fuori, loro vogliono i “soldati”, questo lo si evince dalla giunta; inesperti, incapaci, non capiscono una delibera, una parte amministrativa, tanto c’è il loro dirigente il Pres. del Consiglio Comunale Mennillo che fa il bello e il cattivo tempo. Gli autori dei manifesti sono ancora anonimi, presto quel manifesto sarà ripresentato e firmato  dall’MPA con la scritta “Sindaco abusivo” ha tradito il mandato elettorale.

Oggi l’attuale opposizione, di cui il suo partito fa parte, è pronta a governare se si dovesse andare alle elezione?

Per quanto mi riguarda tutti i partiti di opposizione sono pronti ad eventuali elezioni anticipate, dobbiamo solo decidere chi deve essere eletto come Sindaco, questa volta non sbaglieremo; noi le mele marce le abbiamo individuate, basta solo non candidarle nelle nostre liste, a noi servono persone che hanno voglia di fare qualcosa per il paese, le prossime elezione daranno una svolta vera e propria a questo paese, noi siamo pronti.

Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •